Sotto il segno dell’acquario

La scelta del filtro per l’acquario e i vantaggi di un filtro esterno. Parola di pesce

Ciao a tutti. Mi chiamo Fish, sono un pesce e vivo in un acquario. Non è vero che i pesci sono muti: parlano eccome, ma solo in occasioni eccezionali. E io lo faccio per bags4Dreams, che dà tante informazioni utili al consumatore.

L’acquario è il mio habitat naturale: ci sguazzo a mio piacimento, e a forza di trascorrerci l’intera giornata sono diventato un esperto in materia. E siccome l’acqua del mio acquario deve essere costantemente pulita, voglio parlarvi della cosa più importante per il funzionamento del sistema: il filtro.

So che tanti si chiedono: come scegliere il filtro giusto, fra i tanti? Ed è meglio un filtro già installato di serie nell’acquario, o un filtro esterno da comprare separatamente? Cercherò dunque, nello spazio concessomi da questo portale, di darvi qualche veloce risposta.

Alcuni acquari sono forniti dal produttore già completi di kit di illuminazione e di sistema di filtrazione, che però di solito è di dimensioni ridotte e fornisce un filtraggio insufficiente.

Questo richiede interventi di pulizia e manutenzione molto frequenti e costringe a limitare il numero dei pesci: non certo il massimo per me, che adoro nuotare in allegra compagnia.

Ci sono poi i filtri che si acquistano separatamente all’acquario e che si dividono in filtri interni ed esterni.

Quelli interni sono più economici, ma hanno alcuni svantaggi: vanno posizionati all’interno della vasca, togliendo spazio a noi pesci e alle piante, impattano con l’estetica e sono di più difficile pulizia e manutenzione.

Se poi l’acquario è di grandi dimensioni, solitamente hanno una capacità filtrante limitata.

I filtri esterni, invece, costano di più ma offrono tanti vantaggi: sono meno impattanti, più flessibili da installare (ma attenzione ad installarli a un’altezza inferiore rispetto al livello dell’acqua nell’acquario), necessitano di interventi di pulizia meno frequenti e la loro capacità filtrante può essere anche 20 volte superiore a quella degli altri tipi di filtri.

E in più garantiscono una migliore qualità dell’acqua e consentono di disconnettere e riconnettere il filtro dall’acquario senza mettere le mani in acqua.

A cosa fare attenzione, dunque, per scegliere il filtro giusto?

Innanzitutto la portata: vi consiglio un filtro con portata sufficiente a trattare il volume totale dell’acqua dell’acquario 3-4 volte in un’ora.

Poi il consumo energetico, che in caso di filtro a bassa efficienza energetica, può diventare una spesa accessoria considerevole. Ci sono poi gli aspetti “secondari”, ma da non sottovalutare.

Come la presenza o meno dei materiali filtranti all’interno del filtro: se non sono già compresi, possono rappresentare un costo importante in fase di acquisto. Inoltre un filtro dotato di un sistema di innesco permette di riempirlo facilmente e rapidamente in fase di installazione o dopo la pulizia.

Un sistema di sgancio dei tubi integrato permette poi di ridurre i tempi all’inizio e alla fine di ogni intervento di manutenzione.

Infine la regolazione di portata e la modularità del volume filtrante: la prima consente di evitare un’eccessiva movimentazione dell’acqua in vasca, così da non danneggiare le piante e stressare noi pesci; la seconda permette di personalizzare la filtrazione in base alle caratteristiche del proprio acquario.

La presenza di tubi di connessione di lunghezza adeguata, preferibilmente a bassa trasparenza per contrastare la possibile crescita di alghe, permette anch’essa di evitare fastidiose spese accessorie.

La migliore soluzione è che il tubo venga fornito intero anziché in due metà, così da poterlo tagliare delle dimensioni desiderate, dato che difficilmente il filtro sarà posizionato esattamente al centro dell’acquario.

Riassumendo: se volete avere un acquario più silenzioso, più spazioso, più limpido e più semplice da pulire può valere la pena di investire qualche euro in più alla prima installazione, acquistando direttamente un filtro esterno.

E ciao ancora da…bags4Fish!

Proposto da: